FANDOM


Giratina
Sovrano del Mondo Distorto
GiratinaForma Alterata
Sesso Asessuato (personalità maschile (non riconosciuta ufficialmente))
Tipo Spettro/Drago
Abilità Pressione
Strumento Avanzi
Natura Decisa
Prescelti Raziel Spartos III
Luogo di cattura Mondo Distorto
Mosse Riposo

Sonnolalia
Codadrago
Oscurotuffo

Giratina è un Pokémon Leggendario. Il suo prescelto è Raziel.

StoriaModifica

Creazione e ruolo di GiratinaModifica

Giratina Forma Originale

Giratina (Forma Originale)

Giratina fu creato da Arceus assieme ai fratelli Dialga, Dio del Tempo e Palkia, Dio dello Spazio, per poter forgiare l'universo. Giratina, in quanto Dio della Materia, ha il compito di mantenere stabile la materia del Mondo dei Vivi grazie alla materia esoterica della sua dimensione, il Mondo Distorto, una dimensione diametralmente opposta a quella dei vivi e allo stesso tempo divisa da un muro dimensionale spesso quanto un atomo, motivo per cui qualsiasi cosa accada nel Mondo Distorto si riscontra anche nel Mondo dei Vivi e viceversa.

L'EsilioModifica

Alla creazione dell'universo, Giratina ritenne che il tempo e lo spazio generati dai fratelli fossero inadatti per la formazione di forme di vita efficienti, ma i fratelli e il padre non furono della stessa idea. Ciò fece infuriare Giratina, che si aizzò violentemente contro i fratelli. Tale atto costrinse Arceus, a malincuore, ad esiliare il proprio figlio nel Mondo Distorto, in modo che non causasse danni a nessuno e potesse comunque ricoprire il suo ruolo di Dio della Materia, con la possibilità di uscire solo alla Grotta Ritorno a causa dei suoi squilibri dimensionali, senza poter mai varcarne la soglia che porta all'esterno.

L'incontro con il Popolo delle OmbreModifica

Giratina fu in grado solo di scrutare il Mondo dei Vivi attraverso le superfici riflettenti, guardando impotente la generazione della vita per mano dei fratelli e dei Leggendari nati in seguito al suo esilio. Nonostante ciò, gli antichi vennero a sapere della sua esistenza scoprendo la Grotta Ritorno e attraversando i portali che si aprivano spontaneamente al suo interno per raggiungere il Mondo Distorto. Un gruppo del Popolo delle Ombre di Sinnoh in particolare fu affascinato non solo da Giratina stesso, ma addirittura dalle proprietà uniche della materia esoterica, che studiarono per poi creare un artefatto in onore del Leggendario, la Grigiosfera, capace di creare un campo elettromagnetico con proprietà estremamente simili a quelle della materia esoterica. La Grigiosfera finì in seguito in possesso di Hoopa.

Scomparso e riscopertoModifica

Con il passare dei secoli, la leggenda di Giratina andò sfumando fino a diventare sconosciuta quasi del tutto, specie a causa dell'intervento della Chiesa di Arceus, che da quando fu istituita fece il possibile per insabbiare qualsiasi prova dell'esistenza di Giratina. Tutti i loro sforzi furono vanificati quando il noto scienziato Newton Graceland scoprì la Grotta Ritorno, riuscendo ad usare uno dei portali generati per entrare nel Mondo Distorto e trovare prove inequivocabili dell'esistenza del Pokémon. Tuttavia egli preferì non divulgare le sue scoperte temendo il panico che avrebbe potuto dilagare fra i più superstiziosi.

SinnohModifica

La Battaglia della Vetta LanciaModifica

Durante il recente "Incidente Galassia" avvenuto a Sinnoh per mano del Team Galassia, l'organizzazione riesce a rapire i Pokémon Leggendari Uxie, Mesprit ed Azelf per forgiare la Rossocatena, una versione contorta dell'Arco di Arceus. Il leader dell'organizzazione, Cyrus, fu dunque in grado di evocare i Leggendari Dialga e Palkia alla Vetta Lancia e a sottomettere la loro volontà, per ordinare loro di distruggere l'universo e crearne uno nuovo. Per fare ciò però, i Leggendari furono costretti a spezzare il sigillo che loro padre aveva usato per esiliare Giratina. Capendo il risultato di quelle azioni, le due divinità andarono nel panico, in quanto incapaci di contrastare il fratello a causa delle limitazioni provocate dalla Rossocatena. Quando il Pokémon Ribelle emerse nel Mondo dei Vivi dopo eoni dal suo esilio, trascinò via con sé Cyrus, avendo capito che l'uomo era una minaccia tanto per Giratina quanto per il suo dominio. Durante l'evento erano presenti i Dexholder, il cui leader, Raziel, colse l'occasione tuffandosi nel portale dimensionale da cui emerse Giratina per raggiungere il Mondo Distorto.

Nel Mondo DistortoModifica

Nella dimensione di Giratina, Raziel s'imbatté in Cyrus, il quale rivelò di sapere che nonostante il ragazzo avesse l'opportunità di fermare la creazione della Rossocatena, questi non ha fatto nulla. I due si affrontarono, la lotta finì con l'apparente vittoria di Cyrus, e Raziel precipitò in un baratro. Nonostante il giovane pensò di essere spacciato, Giratina, vedendo in lui profondi sentimenti di vendetta in cui si rispecchia, lo salvò e lo scelse come Prescelto, permettendogli di sconfiggere Cyrus e tornare al Mondo dei Vivi.

La Lega di SinnohModifica

Giratina viene chiamato da Raziel per combattere alla Lega Pokémon contro due suoi compagni, Darken e Dragozard, scelti da Dialga e Palkia rispettivamente, contro cui Giratina lotta, uscendo vittorioso in entrambi gli scontri. Nonostante i propri desideri, esso non uccide i fratelli su richiesta di Raziel.

La Battaglia per il Mondo DistortoModifica

Giratina è stato anche protagonista dell'"incidente Zero". Non molto tempo dopo l'"incidente di Alamos Town" infatti Giratina trascina nel Mondo Distorto Dialga, in quanto a causa del suo conflitto con Palkia e gli squilibri dimensionali nati da tale scontro, il Mondo Distorto è stato invaso da nubi di gas altamente tossico generato per impedire squilibri fatali per il Mondo dei Vivi. Inavvertitamente però Giratina porta con sé anche Shaymin, che assorbendo una delle nubi tossiche, scaglia un Infuriaseme tanto potente da aprire un portale dimensionale, permettendo a Dialga di scappare - insieme a Shaymin stesso - e di imprigionare il fratello in un loop temporale: ogni volta esso avesse tentato di uscire tramite un portale dimensionale da lui creato, sarebbe tornato al momento precedente l'attraversamento del portale.
Non potendo uscire e iniziando a capire l'origine dello scontro tra Dialga e Palkia, Giratina porta nel Mondo Distorto Raziel e i suoi compagni - i quali avevano trovato Shaymin che aveva iniziato a viaggiare con loro - e non fidandosi ancora abbastanza da parlare con Raziel, gli mostrò delle visioni circa l'imminente ritorno di Arceus, andato in letargo in seguito al tradimento del suo ultimo Prescelto. Usciti dal Mondo Distorto tramite un portale della Grotta Ritorno e con l'aiuto del professor Graceland, il gruppo viene braccato da un individuo di nome Zero, il quale sta dando la caccia a Shaymin. Riuscito ad entrare nel Mondo Distorto tramite il portale creato da Giratina per recuperare Raziel e i suoi amici, Zero rapisce Shaymin, costringendo il leggendario ad assorbire una nube tossica per creare un Infuriaseme ed aprire un portale, dal quale Giratina poté attraversare aggirando il loop temporale. Zero rivela di essere l'ex assistente di Graceland, e che da diverso tempo ha iniziato a monitorare Giratina nella speranza di replicarne i poteri, a discapito della vita del Leggendario. Nonostante il piano abbia successo, Giratina viene salvato e assieme a Raziel affrontò Zero, riuscendo a distruggere l'infernale macchina extradimensionale da lui creata, risolvere tutti i problemi causati da essa per poi farlo arrestare dalla polizia.

Il Risveglio di ArceusModifica

Non molto tempo dopo, Giratina riuscì a rintracciare nuovamente Dialga, questo nella città di Michina Town, ma venne nuovamente dissuaso da Raziel, che si trovava sul posto con i suoi compagni. Il giorno stesso, Arceus si risveglia infuriato con l'umanità per il tradimento avvenuto tempo prima da parte del suo ultimo Prescelto, l'Ascendente del Fulmine Damos, il quale ha rubato il Gioiello della Vita contenente non solo la Lastra Saetta donata da Arceus a Damos, ma anche quelle Idro, Prato, Geo e Dracon. Dopo essere stato insultato dall'offerta di un simulacro da parte di una discendente di Damos - la quale pensava fosse il vero - inizia a distruggere la città. Per fermarlo, Raziel, Darken, Dragozard, Vera e Lucinda richiamano Giratina, Dialga, Palkia, Mesprit ed Azelf, a cui di propria volontà si aggiunge Uxie, nel tentativo di fermare il padre. Capendo che lo scontro è inutile, Dialga manda il gruppo di ragazzi nel passato nel disperato tentativo di impedire l'avvenimento del tradimento.
Al ritorno del gruppo, Dialga ha perso i sensi, perciò i cambiamenti avvenuti non hanno riscontro nel futuro, finché Arceus non vede Raziel. Riconoscendolo, e ricordandosi così cosa avvenne a seguito del paradosso temporale, capendo l'inganno subito e l'innocenza di Damos, l'eroismo di Raziel ed il suo futuro, lo sceglie come proprio Prescelto, l'Ascendente della Morte.

Il Concilio dei LeggendariModifica

Il giorno seguente, Arceus richiama tutti i Leggendari di Kanto, Johto, Hoenn, Sinnoh ed Unima possibili, invitando anche quelli di altre regioni. Tra i partecipanti è presente Giratina. La riunione ha vari argomenti, e Arceus informa i presenti del ritorno di Giratina sperando che essi gli diano una seconda possibilità. Prima della conclusione della riunione, Latias chiede ad Arceus se Raziel sia effettivamente degno di fiducia a causa dei sospetti che la sua Prescelta Giuls nutre nei confronti del ragazzo. In risposta Giratina oltraggiato suggerisce l'uccisione della ragazza, richiesta immediatamente scartata da Arceus assicurando alla Pokémon che avrebbe osservato il proprio Prescelto personalmente.

UnimaModifica

Il Concilio dell'AscendenteModifica

Poco dopo l'arrivo dei Dexholder ad Unima, Arceus convoca una riunione esclusiva dei Pokémon di Raziel, con l'unica eccezione di Gengar e Litwick i quali in quel momento si trovano con il ragazzo. La divinità riesce a portare i vari Pokémon di Raziel dal suo Box fino allo Spazio Origine e alla riunione partecipò anche Giratina. La riunione tocca due argomenti principali, vale a dire il futuro che attende i vari Pokémon in quanto Pokémon dell'Ascendente, dando loro occasione di tirarsi indietro, cosa che nessuno fa (sebbene Spiritomb sia tentato) e la possibilità di essere addestrati da leggendari in vista del conflitto imminente.

La Lega di UnimaModifica

Durante la Lega di Unima, Raziel richiama Giratina per fronteggiare Reshiram nella battaglia contro N e proprio lo Spettro ne esce vittorioso. In seguito Gechis arriva rivelando il suo disprezzo verso il figlio adottivo, trattandolo come un animale. Capendo il fallimento, su tutte le furie schiera i suoi Pokémon per aggredire Giratina, il quale troppo indebolito non riesce a vincere, costringendo Raziel e richiamare anche Arceus per sconfiggere il nemico.

Personalità e caratteristicheModifica

Giratina è famoso per essere un traditore poiché cercò di ribellarsi al padre, venendo di conseguenza esiliato nel Mondo Distorto. Per questo motivo cova forti sentimenti di vendetta nei confronti di Arceus e dei fratelli, che tenta di uccidere appena ne ha l'occasione. Sembra che sia stato proprio questo a spingere il Leggendario a scegliere Raziel, che prova sentimenti simili. Nonostante tutto, il Pokémon solitamente ubbidisce al proprio Prescelto, anche se a volte vorrebbe fare di testa propria, ed esegue il ruolo assegnatogli punendo duramente chiunque osi minacciare entrambi i mondi (anche se sembra lo faccia solo per proteggere il proprio). Giratina è estremamente violento e privo di scrupoli, e non esita a ricorre a situazioni drastiche per risolvere i problemi, arrivando a proporre l'uccisione di Giuls per i suoi sospetti su Raziel.

Essendo il Dio della Materia, Giratina è ossessionato dall'efficienza. Dato che è ben consapevole che la vera perfezione è impossibile da raggiungere per i mortali, il suo scopo non è farla raggiungere all'universo, ma bensì ottenere lo stato d'efficienza maggiore possibile. Per questo ritiene che il tempo e lo spazio creati da Dialga e Palkia siano inadatti a tale scopo.

Giratina non è impressionato dall'essenza e dal DNA degli umani, ritenendoli "esseri dalla struttura primitiva" e dall'adattabilità biologica minima, perciò li considera una razza condannata a causa della loro mancanza di diversità genetica. Giratina ha anche una scarsa opinione di qualsiasi specie che reputi geneticamente inefficiente, attribuendo la colpa ai suoi fratelli. Estremamente orgoglioso di com'è riuscito a forgiare la materia del mondo, non tollera che essa venga danneggiata in alcun modo. Nonostante quello che pensa degli umani, è estremamente affascinato da Raziel, ritenendolo uno dei pochi che ha raggiunto uno stato d'efficienza superiore alla media. Prova inoltre un odio viscerale verso chiunque confonda la materia esoterica con l'anti-materia.

Giratina ha un bizzarro modo di parlare, in cui tralascia tempi verbali ed ignora pronomi, parlando di fatto nella maniera "più efficiente possibile", rispecchiando quindi nel linguaggio la propria linea di pensiero.

Abilità e CapacitàModifica

Giratina è uno dei figli di Arceus e una delle divinità più importanti. Per questo possiede poteri pari solo a quelli dei suoi fratelli e inferiori soltanto a quelli di Arceus.
Giratina è l’incarnazione stessa della dimensione in cui vive, il Mondo Distorto, e della materia esoterica che la compone. Pertanto è un’entità astratta e incorporea, ma possiede e impersona un avatar composto da materia normale ed esoterica.
In quanto divinità Giratina non può invecchiare o ammalarsi e non ha bisogno di mangiare, bere, dormire o respirare. Inoltre all'interno della sua dimensione non può essere ucciso in alcun modo. Quando accede tuttavia al mondo dei vivi la sua struttura fisica viene alterata e questo, oltre a fargli perdere la capacità di levitare costantemente e ad aumentare la sua resistenza a discapito della forza fisica, rende il suo corpo vulnerabile. Se questo venisse distrutto non solo Giratina stesso morirebbe ma lo stesso Mondo Distorto cesserebbe di esistere. Esiste però un artefatto, la Grigiosfera, che permette a Giratina di mantenere la propria Forma Originale e quindi l’immortalità.
Da quando è stato liberato dal suo esilio Giratina può creare portali per passare a piacimento dal mondo dei vivi al Mondo Distorto, potendo anche portare altri esseri con sé e riuscendo a impedire loro di scappare anche se questi sono dotati di poteri dimensionali.
In battaglia Giratina fa per lo più affidamento sull’energia draconica (utilizzandola sia per attacchi basati sul respiro che concentrandola in parti del proprio corpo come gli artigli o la coda) e sulla materia esoterica, dotata di proprietà simili all’energia spirituale. Può anche controllare il fuoco, l’elettricità, l’aria e la terra, proiettare la propria l’aura, manipolare le tenebre per creare costrutti come falci, lame o esplosioni, infliggere condizioni di stato all'avversario, potenziarsi tramite Funestovento o Forzantica, convertire la propria energia in materia (creando ad esempio rocce dal nulla), annullare qualsiasi forma di rigenerazione del nemico e creare una propria copia di energia. Inoltre Giratina è in grado di volare, mutare la forma delle proprie ali o tentacoli in artigli, creare illusioni per apparire come un'ombra, interagire con esseri non fisici come gli spettri o concetti astratti come i sogni, annientare completamente avversari sconfitti o privi di sensi.
È dotato di capacità fisiche sovrumane e nella Forma Alterata può manipolare in maniera limitata le emozioni del nemico per spingerlo a sprecare più energia nei suoi attacchi. Il Pokémon è resistente a fuoco, acqua, elettricità, veleno, alle piante e alla manipolazione mentale (infatti a differenza dei suoi fratelli è immune alla Rossocatena e ai poteri dei Guardiani dei Laghi) e può anche rendere il proprio corpo intangibile.
Giratina è in grado di manipolare a piacimento la materia esoterica all'interno della propria dimensione, potendo distruggerla, modificarla e rigenerarla; questo processo va a influire sul mondo reale. Il Pokémon può ignorare completamente le leggi della fisica e manipolare spazio e tempo, che nella sua dimensione risultano distorti. Inoltre è in grado di vedere quello che succede nel mondo dei vivi pur restando nel Mondo Distorto tramite superfici riflettenti. Può percepire entità anche a grandi distanze e in altre dimensioni ed è perfettamente cosciente della struttura del proprio universo.

Ruolo nel mondoModifica

Giratina è il Dio della Materia. In quanto tale esso può manipolare e rigenerare la materia del Mondo dei Vivi semplicemente manipolando la corrispondente materia esoterica del Mondo Distorto. Questa di per sé non è una sua capacità esclusiva, come dimostrato per esempio quando Zero ha distrutto dei pilastri di ghiaccio per far collassare un iceberg, ma grazie alla propria capacità di manipolare la materia Giratina è stato in grado di rigenerare quei pilastri dal nulla, qualcosa che nessun altro potrebbe fare. Esso non svolge il suo ruolo per un qualche dovere, ma semplicemente perché è consapevole che qualsiasi danno causato nel Mondo dei Vivi verrebbe rispecchiato anche nel Mondo Distorto. Giratina, assieme ai fratelli Dialga e Palkia, è stato colui che ha forgiato l'universo poco dopo la propria creazione da parte di Arceus. A testimonianza del suo status di Dio della Materia, è composto tanto da materia normale quanto da materia esoterica senza che le due si danneggino a vicenda.

CuriositàModifica

  • Il suo linguaggio è ispirato ad Abathur, personaggio del gioco Starcraft.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.